Piccoli consigli per risparmiare sulla spesa

A tutti piace mangiare bene, scegliere le migliori materie prime e fare la spesa direttamente dai produttori. D’altra parte però, abbiamo anche bisogno di risparmiare sulla spesa! Il metodo per salvare capra e cavoli esiste? Sì. Basta cambiare abitudini e avere voglia di sporcarsi un po’ le mani. Così facendo, risparmieremo sulla spesa ma senza abbassare i nostri standard di qualità. Oggi, per risparmiare sulla spesa, ci affidiamo ai consigli di Sandra Marécaux per autoprodurre – tra gli altri – lo yogurt, lo zucchero vanigliato, l’aceto di mele…

Cominciamo?


 

due barattoli di yogurt


Autoproduciamo lo yogurt

20 yogurt a 2 euro e 40 centesimi. Chi sta facendo questa promozione? Il contadino! Vende latte molto buono, con cui potete autoprodurre uno yogurt senza additivi, coloranti o conservanti.

La ricetta è molto semplice. Scaldate 2 litri di latte a 80°C. Lasciatelo raffreddare tra 45 e 50° C, aggiungete i fermenti, che potete acquistare in farmacia o, talvolta, al supermercato. Ovviamente potete sostituire i fermenti con uno yogurt (preferibilmente contadino). Mescolate energicamente e versate il contenuto in una ventina di vasetti di vetro. Cuocete al forno a 40° C per tre ore. Lasciate lo sportello del forno chiuso e fate riposare lo yogurt per altre tre ore. Tirate fuori i barattoli, chiudeteli e metteteli in frigorifero.


Formaggio, yogurt e gelato: come nasce un prodotto davvero artigianale?


Zucchero vanigliato DIY

Avete mai notato il prezzo al chilo dello zucchero vanigliato? Costa più o meno 85 euro nelle sue varianti più economiche. Una vera follia! Oggi vi proponiamo di produrre lo zucchero vanigliato in casa per meno di 3 euro e in soli 30 secondi.

Mettete 200 grammi di zucchero bianco in un barattolo e incidete un baccello di vaniglia. Mettete il baccello nello zucchero. Chiudete e attendete dieci giorni prima di usarlo. Quando il barattolo è mezzo vuoto, aggiungete lo zucchero. Fate lo stesso fino a quando l’aroma vanigliato non si diffonderà più (circa un anno) e ricominciate da capo.

Consiglio: volete ottenere una consistenza “a velo”? Frullate lo zucchero nel mixer prima di usarlo.


zucchero alla vaniglia


Bicarbonato gourmet

È l’ingrediente principale per chiunque voglia intraprendere un percorso zero waste. Il bicarbonato di sodio, che si trova sullo stesso scaffale del sale, può essere utilizzato per autoprodurre prodotti per la casa, dentifrici e torte.


Come pulire casa con soluzioni Zero-Waste


Semplice ed economico. Potete anche sostituire il lievito in polvere con un cucchiaino di bicarbonato e, se la ricetta dolce prevede un pizzico di sale, potete non aggiungerlo. L’unica accortezza sta nella quantità. Se ne userete troppo, il vostro dolce sarà immangiabile.


Vivere senza supermercato: come pulire casa


Latte di avena fatto in casa

Sapevate che si può preparare in casa il latte d’avena per 30 centesimi in un minuto? Per farlo, avrete bisogno di 100 grammi di farina d’avena biologica e di un litro di acqua. Mettete tutto in un robot o in un frullatore. Mixate per 30 secondi, fermatevi e ricominciate per altri 30 secondi. Filtrate con un setaccio, una rete vegetale o un panno, come preferite.

Raccogliete l’okara (quello che rimarrà nel setaccio) per preparare torte di verdure o barrette di cereali.


Latti vegetali: vietato chiamarli latte


Aceto di mele con bucce

Ah, noi all’Alveare adoriamo le mele! Sapevate che l’aceto di mele si può produrre a partire da torsoli e bucce? Basta inserire in un barattolo di vetro torsoli e bucce di mele biologiche fino a riempire il contenitore per tre quarti, aggiungere la madre dell’aceto e coprire con acqua (se possibile distillata). Chiudete con un panno o un tappo di sughero e attendete dalle tre alle sei settimane. Quindi raccogliete l’aceto, smaltite le bucce nell’umido e ricominciate.



L’aceto fatto in casa può essere utilizzato per le pulizie, per condire l’insalata, per sciacquare i capelli, per tonificare il viso, come dopobarba…

Se volte approfondire, sappiate che la madre dell’aceto è una star del web, quasi come i chicchi di kefir. Troverete discussioni sui forum e molti articoli a riguardo. Ma potete anche produrne una voi stessi. Prendete un aceto commerciale e travasatelo in un barattolo, coperto con un panno pulito per evitare la polvere. Lasciatelo così per due o tre mesi fino a quando non si formerà uno strato viscoso sulla superficie. Ecco la madre! Potete prelevarla e usarla per creare il vostro aceto.


Sciroppo alla menta dal giardino

Lo sciroppo è ottimo da fare da soli. Il nostro giardino ci può offrire la materia prima: menta, melissa, rosa, viola, papavero, lavanda, trifoglio e lillà. Quello preferito dai bambini è senza dubbio lo sciroppo di menta. Per farlo a casa, raccogliete dieci gambi di menta e staccate le foglie. Mettetele in una casseruola con 600 grammi di zucchero e 600 millilitri di acqua. Portate a ebollizione, abbassate il fuoco e riscaldate per 10 minuti. Lasciate raffreddare, filtrate e imbottigliate. Conservate il vostro sciroppo alla menta fatto in casa in frigo.


Un orto a misura di tisana!


Risparmiare sulla spesa si può: dipende da noi!

Ecco qua, questi sono solo alcuni consigli che vi permetteranno di risparmiare molto sulla spesa settimanale. Al di là di tutto ciò che possiamo (e vogliamo) autoprodurre, cerchiamo di mangiare prodotti locali, cucinare a casa ed evitare i prodotti trasformati e confezionati. Questa è solo una piccola panoramica, qualche spunto per cominciare. Condividete anche voi i vostri consigli nei commenti!


 

 

 

 

 

Se ti piacciono i nostri articoli, clicca like sulla nostra pagina Facebook e per scoprire l'Alveare che dice Si! visita il nostro sito web

commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *