3 ricette antispreco per verdure a fine vita

Le ricette antispreco sono da sempre le nostre preferite, si sa. D’altronde, alcuni tra i migliori piatti della cucina italiana sono nati così, recuperando gli avanzi! E noi oggi vediamo come dare golosa dignità alle verdurine non più freschissime ma sempre buone da mangiare. Soprattutto se sono quelle dei contadini: qui non si butta via niente!


Tre funghi, mezzo broccolo, un porro e due carote languono sul fondo del cassetto delle verdure. Ecco alcune idee che possono ispirarvi per dar loro una nuova vita in verde.


wok di verdure zero waste


Wok di verdure anzianotte

Ecco una prima semplice ricetta antispreco dal tocco esotico. Funziona in qualsiasi momento dell’anno con verdure sia invernali che estive; broccoli, funghi, carote, porri, spinaci, peperoni, zucchine… tutto tornerà in vita dopo un caldo viaggio sul fondo del wok!

Ingredienti per 4 persone:

  • Verdure anzianotte
  • 250 g di noodles o tagliatelle di riso
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 cipolla o scalogno
  • Salsa di soia
  • Zenzero fresco

Iniziate pelando e tagliando le verdure e la cipolla in striscioline sottili. Tritate anche lo spicchio d’aglio e lo zenzero fresco. Rosolare l’aglio e lo zenzero in un wok con olio evo, quindi aggiungete le verdure e infine la cipolla. Allo stesso tempo, cuocete la vostra pasta separatamente, come indicato sulla confezione. Quando le verdure sono cotte, aggiungete i noodles al wok, quindi la salsa di soia, nella quantità che preferite. Sale (poco) e pepe, ed è pronto!


SULLO STESSO ARGOMENTO:

crumble vegetale


Crumble di verdure avanzate

L’aspetto delle vostre verdure lascia davvero a desiderare? Allora fra tutte le ricette antispreco noi vi consigliamo senza dubbio il crumble salato. Cugino del più famoso dessert, ma con il Parmigiano qui sostituisce lo zucchero. Di seguito alcune associazioni ottime per chi va di fretta o manca di fantasia: crumble di burro e nocciole; crumble di zucchine e formaggio di capra, crumble di pomodoro ed erbette …


Ingredienti per 4 persone:

  • Verdure avanzate a piacere
  • 50 g di burro salato
  • 75 g di farina
  • 50 g di Parmigiano (o più a seconda dei gusti)
  • 1 cipolla (opzionale)
  • 1 spicchio d’aglio (opzionale)
  • Sale, pepe

Preriscaldate il forno a 180° C. Cuocete le verdure in acqua o facendole saltare in padella, conditele e conditele secondo il gusto del momento (cospargetele con il curry ad esempio, o rosolate le verdure con aglio e cipolla per dar loro più gusto). Preparate la sbriciolata mescolando con le mani il burro a dadini, la farina e il Parmigiano. Aggiungete sale e pepe. Mettete le verdure cotte sul fondo del piatto e cospargetele con la pastella sbriciolata. Mettete la preparazione in forno, cuocete per una ventina di minuti e sfornate quando la parte superiore è dorata.


ricette zero waste


Tortilla di verdure zero-waste

Le patate ci vengono in soccorso dal fondo della dispensa per aiutarci a preparare una tortilla davvero molto gustosa. Per una delle nostre ricette antispreco preferite, aggiungeremo cipolle, carote, porri, spinaci (o altre verdure un po’ vecchiotte che abitano il vostro frigo).

Ingredienti per 4 persone:

  • Verdure avanzate a piacere
  • 8 uova
  • 2 patate
  • 1 cipolla
  • Olio evo
  • Sale, pepe

Sbucciate le patate, pulite le verdure e la cipolla. Tagliate le patate a cubetti, quindi le verdure e la cipolla a strisce sottili. Friggete le patate e fate saltare le verdure in un’altra padella per quindici o venti minuti. Sbattete le uova con sale e pepe e versate tutto nella padella con le verdure saltate a cui avrete aggiunto le patate. Mescolate e fate cuocere fino a quando la base è solida. Quindi capovolgete la tortilla usando un piatto e fate cuocere anche dall’altro lato. Potete gustare la tortilla di verdure avanzate calda o fredda a cena o come aperitivo, offrendo piccole porzioni da condividere!


 

Se ti piacciono i nostri articoli, clicca like sulla nostra pagina Facebook e per scoprire l'Alveare che dice Si! visita il nostro sito web

Riguardo a

Simona Cannataro

Simona Cannataro

Calabrese trapiantata a Torino, studia e lavora nella comunicazione fino a quando la passione per il cibo buono non la porta dritta all’Alveare che dice Sì! Quando non si occupa di postare sui social e scrivere sul blog, viaggia in Vespa alla ricerca di nuovi posti dove andare a mangiare.

commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *