Quattro dolci a base di verdura

Acqua di cottura dei ceci al posto degli albumi, zucca al posto del burro, un po’ di barbabietola per dare colore… sono tante le verdure che si prestano volentieri all’arte della pasticceria. La prova ve la diamo oggi con quattro ricette dolci con la verdura che vi faranno aumentare con facilità e gioia la quota di vegetali nella dieta!


mousse al cioccolato e acqua di ceci

© Justine Knapp


1. Mousse al cioccolato e acqua di ceci

Speziata e con quel tocco salato che si sposa benissimo col cioccolato.


  • 200 g di acqua di ceci
  • 200 g di cioccolato
  • 1 peperoncino secco
  • Mezzo cucchiaino di sale
  • 1 o 2 giri di pepe nero

    Con una frusta sbattete vigorosamente l’acqua di cottura dei ceci: la vedrete diventare spumosa in men che non si dica. Fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria insieme al pepe nero, al sale e al peperoncino. Una volta intiepidito, incorporate la mousse di acqua di ceci delicatamente, come fossero albumi. Due ore di frigo e via, in tavola.


cookie ai ceci

© Justine Knapp


2. Finto cookie veramente buono

Né farina né burro, ma purea di ceci


  • 200 g di ceci lessati
  • 100 g di burro di arachidi, o pasta di mandorle o nocciole
  • 50 g di zucchero
  • 1 mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1 mezzo cucchiaino di sale
  • Gocce di cioccolato, noci, uvetta…

Il primo e non meno importante passo è una decisione della massima importanza: sbucciare i ceci o no? Se vi piacciono i lavori di fino (come trovare l’ago nel pagliaio) questa attività fa il caso vostro, altrimenti astenetevi, non succede niente. I ceci lessi passati al mixer avranno la consistenza perfetta per realizzare il vostro dolce biscotto a base di verdure. Mischiate insieme tutti gli ingredienti, riempite una tortiera dell’impasto del vostro cookie gigante e infornate a 180° per 25/30 minuti.


cheesecake rosa barbabietola

© Justine Knapp


Cheesecake rosa barbabietola

Avete mai provato la barbabietola insieme al tofu?


  • 1 mezza barbabietola cotta 
  • 200 g di tofu (potete farlo in casa, se seguite questa ricetta)
  • 100 g di panna vegetale
  • 3 cucchiai di zucchero, miele o sciroppo d’acero
  • 1 mezzo cucchiaino di agar-agar
  • 150 g di biscotto sbriciolato e 50 g di burro salato

Stendete su tutto il fondo di una terrina il mix di burro fuso e biscotti sbriciolati. Premete bene per compattare e dategli uno spessore omogeneo. Riponete in frigo per 30 minuti. Tempo che vi permetterà di mixare insieme barbabietola cotta, panna, crema di tofu, zucchero e agar-agar. Mettete il composto sul fuoco, fate sobbollire per un minuto mescolando sempre e versate il composto sulla base della vostra cheesecake. Fate intiepidire e rimettete in frigo per almeno quattro ore, anche se lo sanno tutti che dopo una notte al freddo la cheesecake è ancora più buona.

(E se vi piace la barbietola, provate anche questo carpaccio)


torta alla zucca

© Justine Knapp


Torta di zucca

Un’alternativa alla solita vellutata


  • 300 g di zucca grattugiata
  • 200 g di farina completa
  • Cannella, zenzero, pepe, sale
  • 2 tuorli mixati a 100 g di zucchero
  • 2 bianchi montati a neve
  • 125 g di burro fuso e tiepido
  • 1 mezza bustina di lievito o bicarbonato di sodio
  • 200 g di formaggio dolce spalmabile

Mescolate, nell’ordine, la farina, le spezie, i tuorli con lo zucchero, il burro, i bianchi d’uovo montati a neve, il lievito e infine la zucca grattugiata. Lasciate che tutti i protagonisti di questo dolce di verdura si conoscano; lasciate riposare l’impasto per un quarto d’ora. Passato questo tempo riempite con l’impasto una terrina imburrata e infarinata e infornate per un’ora a 180°C.

Una volta raffreddata completamente, ricopritela di formaggio dolce. Poche ore al fresco renderanno il dolce ancora più goloso.

(E se vi avanza della zucca e volete delle ricette salate cliccate invece qui e qui).


Se ti piacciono i nostri articoli, clicca like sulla nostra pagina Facebook e per scoprire l'Alveare che dice Si! visita il nostro sito web

Riguardo a

Simona Cannataro

Simona Cannataro

Calabrese trapiantata a Torino, studia e lavora nella comunicazione fino a quando la passione per il cibo buono non la porta dritta all’Alveare che dice Sì! Quando non si occupa di postare sui social e scrivere sul blog, viaggia in Vespa alla ricerca di nuovi posti dove andare a mangiare.

commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *