Giardino fai da te: 5 alternative al tappeto erboso

È verde fluorescente, spesso falciato al millimetro, non contempla alcuna specie di margherita o dente di leone. Il tappeto erboso del giardino, campione di pesticidi e grande nemico della biodiversità, merita di essere sostituito. Proviamo? Niente paura, è molto più semplice del previsto!


In Italia quasi tutte le case con giardino hanno anche un piccolo o grande prato. Molto spesso innaffiato, ma anche nutrito con fertilizzanti o addirittura diserbanti selettivi e, come bonus, tosato molto regolarmente. Adesso, siamo tutti contro i diserbanti, ma che male c’è a tosare il prato, direte voi? Ebbene, prima di tutto i tosaerba inquinano. E anche parecchio! fino a 93 volte le emissioni di particelle per litro di benzina di quelle una macchina, secondo uno studio californiano citato qualche anno fa dal New York Times in questo articolo.

Per non parlare di tutti gli infortuni causati dai tosaerba.


tappeto erboso


Ma la lista delle colpe del tappeto erboso non finiscono qui. Tagliando e combattendo contro le cosiddette “erbacce”, il prato non sboccia mai e l’erba rimane l’unica specie del giardino.

Siamo molto molto lontani da un ecosistema classico in cui i fiori, le foglie e le diverse altezze delle piante sono rifugi e risorse per uccelli e insetti. Per molti specialisti, i prati d’erba nei nostri giardini non sono quindi più interessati alla biodiversità di un parcheggio e hanno anche un’impronta di carbonio negativa.


Agroecologia: questa (bella) sconosciuta


Ma poi, cosa ce ne facciamo del prato rasato? Porsi la domanda è già un buon primo passo. La risposta ideale non sarà necessariamente quella di sradicarlo completamente, soprattutto se non vuoi litigare con il marito che pratica yoga a piedi nudi sull’erba o con la figlia che vuole sentirsi una principessa inglese.

Ecco, in ordine, i nostri cinque consigli per sostituire (o integrare) il tappeto erboso.


talpa in giardino


Step 1: fallo meno!

Un prato non deve sembrare un campo da golf.

Quindi, attendi che l’erba superi i 10-12 cm per falciare. Come bonus, l’erba andrà a formare una copertura vegetale più spessa e quindi più resistente al calore. Lo stesso consiglio per l’irrigazione: meno è meglio.

Solo perché il prato diventa giallo in estate non significa che bisogna annaffiarlo cinque volte al giorno.

Questo è un fenomeno normale che la maggior parte delle volte non danneggia la pianta e non gli impedisce di rinascere non appena le piogge tornano. Peggio ancora, l’irrigazione troppo frequente scoraggerà la radicazione della pianta e la renderà dipendente dal tubo per l’irrigazione.


Agroecologia, questa (bella) sconosciuta


Se devi proprio irrigare, fallo al mattino presto o nel tardo pomeriggio. Infine, il semplice fatto di non strappare o avvelenare le erbe che spuntano senza invito permetterà a molte varietà di diventare stabili, come trifoglio, tarassaco, oxalis, piantaggine, margherite o persino alcuni muschi e funghi. Promesso, non invaderanno un prato con erba alta. E saranno apprezzate dalle farfalle, dai ricci eccetera.


La dieta detox è nel prato


Step 2: Osserva, rifletti

Le basi sono impostate, hai appena guadagnato ore preziose riducendo le tue annaffiature e le tosature. Prenditi il ​​tempo per osservare e riflettere.

Se il prato non regge qui o là, sarà mica che il grande albero che si trova nelle vicinanze succhia tutta l’acqua? Se sì, dovrà forse essere sostituito, e da cosa? O è perché il suolo è troppo povero? In questo caso, puoi coprirlo di foglie morte per arricchirlo di ottima materia organica.

O è perché vivi in ​​una regione molto calda e piena di sole? In questo caso, se sei davvero affezionato all’erba, sarà meglio optare per varietà adattive, come spiegheremo di seguito.


sostituire tappeto erboso


Step 3: riconfigurare

Dopo questo tempo di riflessione, puoi costruire il tuo piano d’azione e, forse, scegliere di ridurre leggermente l’area adibita a prato. Le soluzioni sono infinite. Più vicino all’ingresso puoi posizionare dei fiori. In un angolo il cui sole si adatta alle piante che vuoi coltivare (e viceversa) puoi ovviamente pensare a un piccolo orto.


Un orto a misura di tisana


Nelle aree più remote puoi invece far crescere le erbe a loro piacimento, finché non diventano una specie di prato che puoi falciare una volta all’anno.


Agroforestazione: stesso terreno, doppio vantaggio


Se vuoi trovare la tua strada in queste erbe pazze, opta per un passo giapponese. E non dimenticare il potere delle siepi, dei frutteti o delle colline rocciose, che possono occupare ciascuno solo pochi metri quadrati.


Step 4: Semina, pianta

Una volta che il piano è chiaro in testa o addirittura già sulla carta, è ora di mettere le mani nella terra. Se continui ad attaccarti alla tua monocoltura del prato, libero di farlo, ma scegli almeno una varietà adatta al tuo suolo e al tuo clima.

Per un prato più vario e interessante, opta invece per specie locali e native. Molte associazioni e centri di conservazione possono consigliarti le più adatte.

Uno studio condotto negli Stati Uniti ha dimostrato che i prati coltivati con specie autoctone richiedono molto meno tosatura e irrigazione e nessun fertilizzante.


Pallet mon amour


giardino fai da te


Step 5: Fallo meno (sì, di nuovo) e lascia fare alla natura

Una volta che il tuo intervento, il più ponderato possibile, è terminato, è tempo di riposare la mente e di posare gli strumenti. Infatti, diversi studi condotti da un consorzio di ricerca sulla biodiversità nei giardini hanno dimostrato che più si interviene sul terreno, più si tende a far diminuire la biodiversità dell’ambiente.

Non è facile, ma devi imparare a non fare molto.

Come bonus, questo ti permetterà di contemplare il rapido e impressionante progresso della biodiversità sulla Terra.


Viva i contadini custodi, protettori della biodiversità! 


Lo stesso consorzio ha confermato i vantaggi del laissez faire in un altro studio, che ha indicato che il manto selvaggio e ricco può ospitare centinaia di specie animali e vegetali.

Seguirai le orme dell’entomologo britannico Jennifer Owen, che ha inventariato a partire dagli anni ’80 tutte le specie ospitate nel suo giardino di 700 metri quadri a Leicester. Ha scritto un libro molto bello: Wildlife of a Garden: A Thirty-year Studyin cui racconta come ha individuato 2.673 specie diverse, tra cui 474 piante, 1.997 insetti, ragni e porcellini di terra 138 o 54 specie di uccelli.

Il tuo giardino è un ecosistema ricco, unico e bello, divertiti!


Grazie a Lygie Harmand per le sue splendide illustrazioni.


 

Se ti piacciono i nostri articoli, clicca like sulla nostra pagina Facebook e per scoprire l'Alveare che dice Si! visita il nostro sito web

commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FACEBOOK
INSTAGRAM
EMAIL
YOUTUBE